L’inizio del cammino… Come mi sto affacciando alle pratiche di yoga e meditazione

In questo periodo di forte preoccupazione sociale ed economica, dove ci viene chiesto di limitare al minimo la nostra libertà a fronte del bene comune, ho approfittato, come spero stiano facendo molti altri, per esaminare la mia persona e la mia vita. Come in passato mi sono trovata a dover affrontare un bisogno che è sempre presente dentro me, come ho scritto anche nell’articolo precedente, la ricerca di Dio.

Nell’etere ho trovato migliaia di letture, video e eventuali corsi da fare online pubblicati da altrettanti maestri e guru e, grazie anche ad alcuni libri, tra le quali “La saggezza di Gesu’ e degli yoga siddha” di M. Govindan ( che consiglio a chiunque interessi il genere), mi sono ritrovata a chiedermi se veramente tutte quelle persone possano in effetti definirsi maestri/guru o se usino questi appellattivi solo per farsi belli e attirare nuovi devoti/discepoli alla loro casa, dominata a volte dall’ego.

E’ brutto dire che non riesco a fidarmi di quanto trovo in internet, troppe volte ho notato delle differenze palesi tra quanto veniva promesso e quanto in effetti c’era di vero negli insegnamenti che venivano dati, e nemmeno posso dire che tutti coloro che ho “seguito” siano dei ciarlatani, ma posso assicurare che molti hanno travisato l’idea/ideologia della meditazione e dello yoga e li hanno plasmati e trasformati perchè potessero essere appetibili alla società occidentale, denaturalizzando ed eliminando quanto di più alto e spirituale potessero contenere, per venderlo meglio al prossimo, alle persone che vorrebbero tutto e subito. Sono nati così dei corsi di yoga new age che permettono anche di diventare insegnante in 200 hr , quando non basta una vita per molti per comprendere il puro significato di questa pratica.

Ma torniamo al percorso che vorrei intraprendere. Vorrei scriverne qui per confrontarmi e magari dare uno spunto a chi mi legge.

Credo, come ha anche consigliato il mio compagno, che prima di intraprendere una qualsiasi strada spirituale , si debba innanzitutto conoscere se stessi, farsi più di un’esame di coscienza, affrontare senza remore il proprio passato e chiarire dentro di noi a cosa vogliamo arrivare. Ognuno ha in mente quali possono essere gli obiettivi della propria vita, gli obiettivi massimi ai quali vorremmo arrivare, molti meno hanno chiaro cosa vorrebbero veramente diventare/raggiungere come anima. Nel mio caso, il fine, all’inizio era solo una bozza annebbiata nella mente, che man mano , mentre mi ci concentravo e continuavo la mia strada, informandomi e leggendo, si faceva sempre più chiara. Quello che sto cercando in questa vita è riassumibile in pochi concetti : vorrei poter seguire il mio istinto e aiutare gli altri, vorrei portare chiaro il messaggio che sento dentro ma che ancora non ha una forma ben precisa, vorrei arrivare a “parlare” con Dio e con il mio Sè superiore.

Sto iniziando così a studiare il percorso da fare, ma prima ovviamente devo togliere degli ostacoli non indifferenti. Ogni giorno devo fare i conti con pensieri, azioni e sentimenti che obnubilano la mia mente, ma soprattutto con immagini del passato, di avvenimenti o altro che non lasciano far fluire l’energia. Partendo da questi fatti, oltre all’aiuto che si può trovare in libri come “conosci te stesso” del cerchio linea 77 e “mindfulness” di Goldstein, ho cercato anche le basi per poter iniziare la meditazione, in aiuto alla mente, e lo yoga, in aiuto al corpo e all’energia che lo tiene radicato alla forza madre. Non ho ancora risposte certe, ma almeno sto imparando a capire quali sono le strade che potrei scegliere, ed ecco che davanti a me ho trovato vari sentieri tra i quali il Karma Yoga, il Kundalini Yoga e il Raja Yoga, assieme alla meditazione pura più vicina alla scuola Dzogchen. L’aiuto maggiore, però, sta arrivando grazie a dei video trovati su youtube di Lama Michel Rinpoche che, come una mamma guida il proprio figlio nei primi passi tenendolo per mano, riesce a illuminare i passaggi bui dell pratica meditativa con una semplicità che solo un maestro può avere,quei particolari che non si trovano nei libri, che possono essere insegnati solamente a voce da qualcuno che già li ha messi in pratica e che conosce tutte le sfaccettature e i problemi collegatia partire dalla postura, da come riuscire a rilassare la mente senza lasciarsi distrarre dai pensieri, come focalizzare l’oggetto della meditazione e cosa “aspettarsi”. Non basta però seguire video o leggere, credo che per non sbagliare o anche semplicemente per avere un confronto, un aiuto e delle risposte chiare e dirette alle domande che possono balenare nel cervello, serva soprattutto un maestro, che guidi almeno all’inizio , l’auto sulla quale si sta viaggiando e che insegni a portare l a macchina verso la destinazione, senza correre troppo e senza sbagliare tragitto. C’è così tanto da imparare e da conoscere, c’è moltissimo da poter condividere e così mi avvio verso questo nuovo stupendo percorso verso la conoscenza e verso Dio, che, per quanto ogni religione voglia diverso l’una dall’altra, è sempre lo stesso, con quell’amore incondizionato, immenso ed eterno che lo contraddistingue da tutto il resto materiale.

Se vorrete seguirmi, scriverò ancora di questo percorso, senza entrare in particolareggiate descrizioni che si possono trovare nell’etere o nei libri specifici e che sono molto più chiare di come potrei esporle io, novizia di queste millenarie storie.

Namasté.

Ad un passo dalla natura – L’Era del dio cemento

Più mi soffermo a guardare il mondo attorno a me, in questi ultimi giorni di libertà prima di entrare di nuovo a lavoro, più mi rendo conto che probabilmente noi umani non meritiamo il meraviglioso pianeta che ci ospita.
Non sto parlando di come trattiamo il pianeta, verrà da se che scriverò qualcosa anche su questo, ma quanto abbiamo perso il nostro contatto con Colei che ha moltissimi nomi, e che possiamo riconoscere in Madre Gaia (è, nella religione e nella mitologia greca, la dea primordiale, quindi la potenza divina, della Terra ~fonte: wikipedia). Sempre più concentrati su mille altre cose superficiali e dannose per la nostra anima, sempre più vuoti e lontani da quello che dovrebbe essere visto come il cammino verso la vera salvezza, ci addentriamo nella selva oscura che ci porterà, inesorabilmente, ad ucciderci tutti e ad ammazzare questo meraviglioso cuore pulsante che è la Terra.
Come siamo arrivati a preferire vivere in un appartamento di 30 mq in centro a New York o Milano (solo perchè è in) piuttosto che una meravigliosa casa in campagna immersi nel verde?Per quale motivo siamo così dipendenti dal cemento delle città, mentre sempre di più snobbiamo le vallate delle nostre dolomiti o le spiagge incontaminate dei paesi asiatici e sud americani se non per passarci dei weekend o le settimane di ferie dove questi posti vengono plasmati a nostro piacere e perdono ogni contatto con la loro bellezza naturale?Siamo partiti, migliaia di anni fa da villaggi accampati vicino a fiumi per poter vedere rigogliosa la natura aiutarci al sostentamento e siamo arrivati a deviare il corso dei fiumi per nostro piacere, bisogno a dire il vero.


La maggior parte di noi, per fortuna non rientro nel gruppo, non è più capace di meravigliarsi di fronte alla vista di una distesa immensa di verde (che purtroppo o per fortuna sono tutti campi coltivati ad oggi), ad una cascata in montagna, alla maestosità di sua altezza l’oceano. E come stiamo trattando questo nostro mondo?Lo stiamo sfruttando, lo stiamo uccidendo, svuotando, come se avessimo un pianeta di riserva dove poter andare e anzichè trovare il modo di ripagare ciò che ci viene donato, cerchiamo altri posti che potrebbero ospitare la vita umana (certo per distruggere anche quelli e così via finchè un giorno, si spera a meno che non si cambi registro, ci estingueremo) .


Non abbiamo più coscienza cosmica, coscienza di gruppo. Pensiamo in singolo senza contare la collettività che ci sta attorno, pensando che una nostra azione non può distruggere tutta la natura attorno, ma senza renderci conto che lo stesso pensiero lo ha avuto il nostro vicino, qualcuno attorno a noi sicuramente, e così via,finchè una azione sono migliaia, milioni, miliardi che stanno strozzando ciò che ci da la vita.
Ci siamo trasformati , in quella che chiamano evoluzione, ma che di evoluto ha ben poco, nella malattia mortale incurabile di cui abbiamo quasi tutti una paura fottuta. Con il nostro agire siamo capaci di far estinguere centinaia di specie animali, per nostro capriccio, e non pensate, voi che leggete questo post di salvarvi, come non mi salvo io, siamo tutti, tutti responsabili di questo.
Seguendo ciò che la società ci “impone” e nasconde siamo arrivati a renderci conto in ritardo che abbiamo un problema, e grazie al cazzo abbiamo un problema, sono l’unica che si ricorda quando da piccola facevano per tv la pubblicità delle Golia per salvare gli orsi bianchi che stavano per estinguersi a causa del riscaldamento globale?E non venite a dirmi che si tratta di ere geologiche, avete mezza ragione su questo, ma l’uomo, sua maestà l’uomo, ha contribuito, con le varie azioni intelligenti degne nemmeno di nota, a velocizzare ciò che geologicamente si manifesterebbe in migliaia di anni.


Ora non sto dicendo di cambiare completamente rotta e diventare tutti contadini/pastori/artigiani e smantellare le grandi città, cioè vorrei dire questo, ma lo trovo un discorso troppo utopico perchè possa prendere presa tra le varie menti eccelse che abitano in primis in Italia e poi via discorrendo il mondo, ma almeno cerchiamo nel nostro piccolo di dare una mano a ridare un po’ di dignità a Gaia. Diamole quel piccolo respiro di cui ha bisogno. Pensiamo all’ambiente, perchè così facendo penseremo a noi, ai nostri figli . Un cambio di coscienza potrebbe portarci a tornare ad amare la nostra natura per quello che ci regala e forse potrebbe portarci ad evitare di distruggerla per un nostro “bisogno” che in realtà non esiste.
E’ da malato preferire il grigio di una grande città all’immensità di una vista al mare, in montagna, in campagna. Smettiamola di far ingrandire le megalopoli e cibare questi mostri di cemento . Ragazzi si parla di piccoli accorgimenti come , che ne so, una petizione per piantare un albero ogni bambino nato, come già fanno moltissimi comuni; la richiesta di un ulteriore parco nella propria città, più verde nei nostri giardini piantando che ne so Dall’Acero riccio alla Betulla verrucosa, dal Ginkgo Biloba al Bagolaro, dal Frassino comune all’Ontano nero, dal Tiglio selvatico all’Olmo   (elenco tratto da : https://www.coldiretti.it/ambiente-e-sviluppo-sostenibile/piante-mangia-smog ) i famosi alberi mangia smog. Concentriamoci e pretendiamo che la tecnologia Hybrid o Eco vengano sviluppate, lo so che i capitalisti non permetteranno mai una cosa del genere (voglio vedere io quando finiranno le scorte cari i miei petrolieri del ca…), ma anche in maniera più personale, smettiamola di lanciare mozziconi fuori dai finestrini, gettiamo i rifiuti negli appositi contenitori – facciamola bene sta raccolta differenziata (anche fuori casa), smettiamo di usare la macchina per fare due metri. Basta distruggere ciò che ci viene costantemente donato. Basta fare di un posto naturalmente bellissimo, una meta accalappia turisti della domenica, i classici che di arte, natura, sport non ci capiscono niente, ma fa figo sui social quindi.

Spegniamo le tv, i computer e i cellulari e guardiamocelo quel meraviglioso tramonto coi colori che vanno dal rosso all’arancio e a tratti violetto che ci sta aspettando per toglierci il fiato, senza per forza fotografarlo. Vediamo attorno a noi, ascoltiamo attorno a noi quello che stiamo uccidendo..perchè fra pochi anni, se non ci rimbocchiamo le maniche non ci saranno più gli uccellini a svegliarci al mattino, non ci sarà più quel bell’albero in quel posto tanto verde e intimo, non ci sarà più vita e aria da respirare pulita in nessun angolo della Terra e non sto esagerando.Ci stiamo ammazzando con le nostre mani..suicidio inconsapevole o suicidio cieco, perchè bisogna essere ciechi per non vedere, non capire quanto male ci stiamo facendo. Torniamo ad amare la natura e apprezzare il nostro pianeta per quello che è, non necessariamente per quello che vogliamo che sia o diventi. Fermiamoci, respiriamo e … aiutiamo la natura a stupirci e farci innamorare.